Com’è fatto il cibo? Il mio intervento al Centro del Benessere

Incontrare le persone con le quali interagisco quotidianamente a mezzo social e incontrarne di nuove è una sensazione indescrivibile, mi regala ricchezza e mi incoraggia a continuare le ricerche.

Torno quindi più che volentieri al Centro del Benessere di Milano Lambrate, sede anche di Shiatsu Editore, per una chiacchierata sugli alimenti processati.

Ne parliamo tanto ma davvero siamo consapevoli di come si ottenga il riso brillato piuttosto che il pepe nero? E non basta il bollino Bio a proteggere il consumatore, vanno compresi i processi industriali che, spesso, tacciono in etichetta i cosiddetti residui di produzione (con beneplacito della normativa).

Ci soffermeremo anche sullo zucchero e su due studi scientifici di recente pubblicazione, uno legato alle bevande, l’altro all’alimentazione infantile.

Non credo sia più trascurabile l’emergenza alimentare che sta travolgendo le nostre vite e che diventa sempre più un’emergenza sociale.

Sapete quanto zucchero contiene un succo 100% frutta in brik? Mediamente 11g su 100ml. Il limite di assunzione giornaliero consigliato da OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è meno del 10% del fabbisogno quotidiano espresso in calorie, ovvero meno di 50g per un adulto medio in salute e con attività fisica regolare.

Lo studio NutriNet Santè rappresenta la più imponente raccolta di dati epidemiologici sia per numero di partecipanti che durata nel tempo e molto dice delle correlazioni tra bevande zuccherate e patologie oncologiche e infiammatorie.

È questo un esempio di lettura che non può essere eluso, va compreso, “digerito” e condiviso.

Per leggere l’articolo completo pubblicato su Shiatsu Editore clicca qui.

TI È piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO con i tuoi amici sui social

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Share on print
Monia Caramma

Monia Caramma

Chief R&D Officer in Macaronicus e Food designer, da 20 anni si occupa di cereali antichi e delle loro proprietà salutiste studiandone tutti gli aspetti, dal seme al prodotto trasformato. Dal 2018 è referente europea di Sorghum-ID per la produzione di pasta di sorgo, è relatrice e speaker in conferenze dedicate all’alimentazione funzionale. Nel 2018 uno dei prodotti da lei formulati ha vinto il premio Let’s Emerge Award nell’edizione italiana di Seed&Chips dedicata alla food innovation.
Monia Caramma

Monia Caramma

Chief R&D Officer in Macaronicus e Food designer, da 20 anni si occupa di cereali antichi e delle loro proprietà salutiste studiandone tutti gli aspetti, dal seme al prodotto trasformato. Dal 2018 è referente europea di Sorghum-ID per la produzione di pasta di sorgo, è relatrice e speaker in conferenze dedicate all’alimentazione funzionale. Nel 2018 uno dei prodotti da lei formulati ha vinto il premio Let’s Emerge Award nell’edizione italiana di Seed&Chips dedicata alla food innovation.

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

IN ESCLUSIVA PER TE

LA RICETTA DEL TODAY SHOW

La pasta Apuntino è stata presentata al Today Show con una ricetta speciale, che ne esalta a pieno le sue proprietà. Ti piacerebbe averla?

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Privacy policy